• Blogarzone

Regalare un profumo

Ce n’è di tutti i tipi e non sempre è facile scegliere. Ecco qualche consiglio utile

Natale è qui e ci viene la voglia di cose speciali, fragranze che ci facciano cambiare i riferimenti e le nostre abitudini e così non posso fare a meno di guardare tutte le grandi case di profumo... Hermes seguito da Dior, Chanel, Armani, Bulgari e ora Annick Goutal, musicista e naso morta troppo presto - ne parleremo presto - poi Van Cleef &Arpel, Yves St Laurent, Prada e Dolce e Gabbana. Tutti con le loro collezioni private di profumi che riprendono un po’ tutte le famiglie olfattive, fiori, spezie, le ambrate i fruttati, i cuoi e così via. Allora diventa una ricerca complicata e potrei darvi qualche consiglio magari per fare un regalo. Ricercate sempre un profumo che sia della stessa famiglia olfattiva del profumo che la persona usa abitualmente, e se avete dubbi optate per una crema per il corpo o latte con la stessa fragranza. Se poi è un conoscitore optare per un profumo di "nicchia" o d'autore, insomma una nuova scoperta. Sennò risvegliate la nostalgia e offrite a una persona che conoscete bene un profumo che portava molto tempo fa... evoca ricordi e fa sempre piacere. Si può tentare anche "Les exclusifs" e cioè quelli nati lontani dal "diktat" del marketing; i profumi che fanno parte di una collezione preziosa. Gli speziati, i legnosi, i "chypres" andranno bene per chi ha una spiccata personalità. Per chi invece è più riservato preferite le note di fiori freschi o quelle muschiate. Nel dubbio? Offrite un grande nome. I classici dello anni ’20 o ’30 come Chanel 5 o Shalimar di Guerlain. Quando scegliete, non precipitatevi. Vaporizzate su una mouillette, osservate l'evoluzione durante ore e se siete convinti compratelo. Ai vostri nasi e flaconi! E tanti auguri profumati!

Françoise Daymard

4 visualizzazioni
  • Grey Instagram Icon
  • bongarzone facebook
  • Twitter Stefano Bongarzone
  • youtube stefano bongarzone

© 2023 by Blogarzone. Proudly created with B•Creative